Dark Lady – spettacolo teatrale

Scrittrice e regista teatrale

Created with Sketch.

Dark Lady – spettacolo teatrale

Dark Lady

di Silvia Lorusso Del Linz

con Viviana Piccolo

Dark Lady Rid

“Dark Lady” compie un viaggio attraverso la magia di Circe, la suggestiva vendetta di Salomé, la sete di potere di Lady Mcbeth, l’amarezza di Anna Bolena, il lucido cinismo di Madame de Marteuil, ed infine Afrodite, la Dea dell’amore in tutte le sue forme.

Donne che appartengono alla storia e al mito, figure affascinanti, eroine “dark” che hanno infranto cuori, hanno fatto sospirare e penare, donne che si sono servite dell’amore come strumento per arrivare al potere e alla vendetta. Donne con un ruolo scomodo, dipinte come seduttrici mortali in contrapposizione all’immagine di donna come angelo del focolare.

Soprattutto donne fuori dagli schemi.

Silvia Lorusso e Viviana Piccolo compiono un viaggio attraverso le parole di queste grandi figure che hanno inciso l’immaginario collettivo con la forza e la particolarità che le contraddistingue, seguendo il filo della suggestione che le hanno rese personaggi d’eccellenza della letteratura e della storia.

LE MUSE ORFANE

Presenta

DARK LADY

Con Viviana Piccolo

Testo e regia Silvia Lorusso Del Linz

 

Spettacolo teatrale DARK LADY con Viviana Piccolo testo e regia di Silvia Lorusso Del Linz.

“Dark Lady” si snoda attraverso dei passaggi che ritraggono il carattere e le vicende di personaggi femminili che hanno lasciato il segno nel Mito, nella letteratura e nella storia, compiendo un percorso evocativo attraverso la magia di Circe, la suggestiva vendetta di Salomé, la sete di potere di Lady Mcbeth, l’amarezza di Anna Bolena, il lucido cinismo di Madame de Marteuil, ed infine Afrodite, la Dea dell’amore in tutte le sue forme, anche quella meno conosciuta nelle vesti di Dea vendicatrice.

Ritratti di eroine “dark” ricordate per essersi servite dell’amore come strumento per arrivare al potere e alla vendetta, spesso rivestite di un ruolo scomodo, dipinte come seduttrici mortali in contrapposizione all’immagine della donna come angelo del focolare.

“Soprattutto donne fuori dagli schemi”, come sottolinea l’autrice e regista Silvia Lorusso, che concentra da anni il suo lavoro con particolare attenzione al mondo femminile.

Lo spettacolo si snoda sulle parole e sulle vicende che le hanno viste protagoniste, intessendo un filo conduttore che ha al centro la forza con la quale hanno inciso nell’immaginario collettivo, rendendole personaggi d’eccellenza.

dark lady

A partire dall’archetipo evocativo di Circe, dea e maga, alla Salomè di Oscar Wilde, fino a Lady Macbeth, Anna Bolena e la Marchesa de Marteuil; emerge uno scenario di figure femminili forti e indipendenti, capaci di deviare dal modello femminile socialmente consono, colpevoli di usare la propria intelligenza e le capacità seduttive per i propri fini, prive di scrupoli, e dipinte come pericolose se non addirittura mortali.

In tutto questo si colloca Afrodite, la Dea dell’amore, che rivela la sua duplicità nel lato oscuro, quello della vendetta.

Con “Dark Lady” la regista Silvia Lorusso propone una rivisitazione di queste figure ponendo l’attenzione sulla demonizzazione a cui sono state sottoposte, sull’intento di renderle in modo assoluto modelli di donne negative.

Un esempio su tutti: Circe, che da Dea primigenia capace di curare e profonda conoscitrice di ogni rimedio curativo, a divinità inferiore malefica, che trasforma gli uomini in animali, e che solo l’eroe maschile, l’Odisseo, riesce a fermare. Da Dea, quindi, a banale strega.

Oppure Anna Bolena, che nei suoi diari scrive: “A questo mondo una donna nasce con un padrone che è suo padre. È lui a decidere la sua vita finché non l’affida ad un marito, che esercita il suo potere su di lei fino alla morte. Ma qualche strana distorsione dentro di me mi ha sempre trattenuto dall’obbedire agli uomini.”                                       

                                     

 

In tutto questo si colloca Afrodite, la Dea dell’amore, che rivela la sua duplicità nel lato oscuro, quello della vendetta. Con “Dark Lady” la regista Silvia Lorusso, con la collaborazione dell’attrice Viviana Piccolo, propone un’immersione fra le pagine ricche di pathos di queste grandi figure, con l’intento di far rivivere attraverso le parole le passioni e la suggestione che la narrazione delle loro vicende evocano, in una dimensione che solo la grande storia e la grande letteratura possiedono. (Clelia Delponte, https://www.giuseppeborsoi.it/2019/07/25/convento-di-san-francesco-di-pordenone-con-le-dark-lady/)

Tags: ,